21 letture per il XXI anno del millennio

Ho sempre trovato molto interessante e originale un libro pubblicato circa 20 anni fa da Tom Kelley, fondatore di IDEO: I 10 volti dell’innovazione.

Nel libro vengono descritti, con tanti esempi, 10 profili “umani e professionali” che hanno le qualità per favorire l’innovazione e il pensiero creativo all’interno di un team.

Tra queste diverse figure quella a cui mi sono sempre ispirato è denominata impollinatore, capace di creare qualcosa di nuovo e migliore attraverso la naturale predisposizione ad unire puntini, anche quando non sembrano esserci correlazione e interconnessione.

Come avviene in natura l’impollinatore si muove in un mondo fatto di…


Cos’è la sostenibilità?

Come se ne parla in ogni corso di formazione sulla sostenibilità?

Digitando su Google la parola “sostenibilità” otterrete +21mio di risultati.

Il dizionario di Oxford la definisce semplicisticamente come “la proprietà di essere sostenibili dal punto di vista ambientale; il grado in cui un processo o un’impresa può essere mantenuto o continuato evitando l’esaurimento a lungo termine delle risorse naturali.”

Sembra che l’unico approccio riconosciuto sia esclusivamente ambientale.

Infatti per molte persone e per troppe aziende, le conversazioni sulla sostenibilità sono focalizzate sulla tutela delle risorse ambientali, sul come affrontare il cambiamento climatico e, per non farsi mancare nulla, sul ”salvare il pianeta”. …


“Da grandi poteri derivano grandi responsabilità.”

Vorrei che nel 2021 e oltre, il design rigenerativo diventi una priorità per le aziende, soprattutto quando si tratta di progettare e produrre oggetti e servizi di consumo. Non possiamo più fingere che le nostre azioni non abbiano conseguenze sul mondo che ci circonda. Piuttosto, i designer devono assumersi la responsabilità di aprire la strada alla costruzione di un nuovo paradigma di consumo, dettandone le regole.

Vorrei che nel 2021 e oltre, le aziende siano incoraggiate, aiutate ed accompagnate nel condividere la “storia etica” di ciò che fanno, come lo fanno e perché lo fanno, in modo che le persone…


La sfida per un mondo migliore.

Siamo di fronte ad una emergenza — sociale, economica e ambientale — e non dovrebbe più essere un mistero per nessuno: non lo è certamente per la scienza, non lo è per buona parte dei Media, non lo è per buona parte della Politica, non lo è per buona parte dei Cittadini del mondo.

Il tema è “abbastanza” compreso, ma evidentemente “abbastanza compreso non è compreso abbastanza”.

E solo “abbastanza” parte del mondo ha adottato comportamenti “abbastanza sostenibili” e ne fanno divulgazione.

Perché? Come siamo arrivati a questa situazione di stallo?

L’umanità — che ha inventato l’economia circa 10.000 anni…


Insieme alla generazione che li segue, queste persone hanno una aspirazione, quella di cambiare le cose.

Anche io, come molti attuali manager, appartengo alla Generazione X che di fatto occupa le posizioni di responsabilità nelle aziende e nelle istituzioni. Siamo una generazione che ha avuto, non richiesta e non sfruttata, l’opportunità, di sperimentare e comprendere le prime gravi emergenze sociali, ambientali ed economiche.

Dopo la crisi energetica di fine anni ’70 abbiamo assistito alla tragedia di Bhopal del 1984. Poi con il concerto Live Aid — 1985 — abbiamo capito il concetto di carestia. …


La Narrazione è democratizzazione della conoscenza.

“Stai facendo quello che qualsiasi uomo sano di mente farebbe nella tua situazione: stai impazzendo” Arthur Fleck

Come ci ricorda The Jocker viviamo in un mondo in cui la moltitudine di conoscenze sembrano sovrastarci, o meglio la sensazione di non averne mai a sufficienza sembra insostenibile, ci sentiamo minacciati e ostacolati, impossibilitati al raggiungimento del nostro personale ikigai: fare di ciò che amiamo quello che siamo bravi a fare, farne ciò di cui il mondo ha bisogno e essere pagati per farlo. Un’altro modo per parlare di personal branding.

Per trovare una direzione in questo groviglio di complessità e sovrapposizioni…


Ogni singola azione ha un valore perché non è mai da sola.

Come nei vecchi 45 giri, la marca può avere un Lato A e un Lato B.

A era il lato per il quale compravi il disco mentre sul retro trovavi l’inatteso: l’arrangiamento sorprendente, il testo inedito, la sperimentazione creativa. La sostenibilità va pensata e proposta come il Lato B di un prodotto o di una marca. Il ciò che c’è dietro, ciò che sorprende, che indica direzioni diverse, che da inizio a nuove conversazioni e crea differenze sostanziali generando nuova rilevanza.

Il Lato B rappresenta un varco verso…


Sapete raccontare buone storie?

Raccontare la storia del proprio impegno nell’affrontare lo sviluppo sostenibile significa esporre con trasparenza e passione il proprio percorso.

Iniziando da quello che è l’obbiettivo: da dove venite, dove siete e dove volete andare.

Ogni buona storia inizia avendo ben in mente come andrà a finire. Questa è la fase in cui definirete il vostro posizionamento, ciò che vi differenzia dai vostri competitor.

Poi occorre definire i protagonisti. Chi è l’eroe della vostra storia? Quale è il suo carattere? Quali sono le circostanze che lo hanno spinto ad accettare la sfida, suo malgrado?

Attenzione. Nella storia il protagonista non è…


L’opposto di più non è meno ma è Benfatto.

La marca è quella cosa che dicono di te, o del tuo prodotto, quando lasci la stanza. La marca è la promessa che fai al mondo e le marche vere mantengono le promesse. La marca non è il logo, non è la visione e la mission che si trovano scritte nella brochure o nella pagina about del tuo sito. La tua marca sei tu e la tua reputazione. E la narrazione che ne fai. Per questo ti suggerisco di rileggere Italo Calvino e le sue Lezioni americane.

Un libro sulla letteratura? Certamente. Letto con occhi diversi è anche un manuale…


Crescere, innovando anche la comunicazione.

Per crescere bisogna innovare, mettendo sul campo idee nuove e creative. Facile a dirsi, un po’ più complicato a farsi. In nostro aiuto viene il Design Thinking, un modello di pensiero strategico nato intorno agli anni 2000 in California.

Il Design Thinking è descritto sia come mindset che come metodo creativo, un metodo nuovo e innovativo per affrontare complessi problemi che necessitano di soluzioni innovative. Il termine è stato coniato nei primi anni novanta da D. Kelley e T. …

alessio alberini

Sviluppo i piani strategici e operativi per creare marche capaci di coniugare performance, etica e aggregazione. #benfatto

Get the Medium app

A button that says 'Download on the App Store', and if clicked it will lead you to the iOS App store
A button that says 'Get it on, Google Play', and if clicked it will lead you to the Google Play store